Dottorato in Neuroscienze e Scienze Cognitive

XXX Cycle

2014/15
Emmanouil Athanasakis
Supervisor: Flavio Faletra (IRCSS materno infantile Burlo Garofolo)
Co-supervisors: Walter Gerbino (DSV) 
Paolo Edomi (DSV)
 
Federica Bastiani
Supervisor: Patrizia Romito (DSV)
 
Kira Stellato
SupervisorWalter Gerbino (DSV) 
 
Pierluigi Struzzo
Supervisor: Donatella Ferrante (DSV)

 

Exploring the genetics of dyslexia: from a next generation sequencing base screening to a phenotype - genotype study 

Dyslexia or specific reading disability is a phenotypically and genetically complex neurobehavioral disorder that affects 3.1% to 3.2% of school-aged children at Friuli Venezia Giulia, a Region of North Eastern Italy. It is defined as an unexpected, specific, and persistent failure to acquire efficient reading skills despite normal intelligence, senses, and adequate education. From a genetic point of view, familial dyslexia occurrence has been reported: twin and family studies indicate a strong genetic component in its etiology. The best evidence for a genetic basis to dyslexia comes from the comparisons of monozygotic versus dizygotic twins, where a higher rate of dyslexia concordance is found in monozygotic than dizygotic twins (83% vs 29%). Up to date at least nine dyslexia loci, with assigned symbols DYX1-DYX9, have been identified by linkage on molecular karyotype data; and at least fourteen candidate genes have been proposed for dyslexia. In the present PhD project, I will perform a series of genetic analysis to characterize two Italian dyslexia cohorts: 1) with dyslexia and without any other comorbidity; 2) with dyslexia and dysorthographia. The main molecular genetics methods of analysis will be based on chip-array and target next generation sequencing technologies. The genetics data will be analyze searching for possible causative genetics alterations and for possible new phenotype - genotype correlations. The overall study will contribute enriching our acknowledgment on the basis of genetic of dyslexia.

Candidate: Emmanouil Athanasakis
Co-found project by IRCCS materno infantile Burlo Garofolo

 

 

The predictors of escaping violence: a two years’ follow-up of women who sought help at an Anti-violence centre 

Scopo del progetto è comprendere i fattori che predicono l’uscita dalla violenza, tra le donne che si rivolgono ai Centri Antiviolenza. L’attenzione sarà posta alle situazioni di violenza esercitate dal partner o ex partner nei confronti della donna. L’obiettivo principale è comprendere quali sono i fattori sociali e psicologici che fungono da elementi protettivi e predicono l’uscita dalla violenza e quali fattori rappresentano invece i principali ostacoli. I risultati permetteranno di individuare quali siano gli elementi su cui agire preventivamente in maniera rafforzativa quando si affrontano situazioni di violenza. Obiettivi secondari del progetto saranno: la descrizione delle caratteristiche socio-demografiche, psicologiche e delle storie di violenza delle donne che si rivolgono ai Centri Antiviolenza e l’analisi delle relazioni che intercorrono tra queste caratteristiche e la salute delle donne. 

Candidate: Federica Bastiani

 

Sviluppo e validazione di un intervento on-line per ridurre gli stili di vita a rischio

Molti studi hanno dimostrato l’efficacia dell’identificazione precoce e intervento breve nel ridurre i rischi per la salute causati da fattori modificabili come gli stili di vita (uso incongruo di alcol e cibo, fumo e inattività fisica). Partendo da esperienze inglesi, abbiamo sviluppato un nuovo sito web interattivo, completamente dedicato alla riduzione dei rischi da stili di vita incongrui ed effettuato un test di usabilità. L’obiettivo generale è quello di  Verificare l’efficacia dell’intervento breve effettuato attraverso il sito dedicato alla riduzione del rischio alla salute causato da uso incongruo di alcol e cibo, fumo e inattività fisica. Per verificare, inoltre, se la riduzione del rischio dipenda proprio dall’intervento breve o non sia piuttosto dovuta ad altri fattori come 1)  la presa di coscienza dell’esistenza di un rischio o  2)  l’effetto della sola partecipazione ad un progetto di ricerca (effetto Hawthorne), viene proposta la seguente metodologia: le persone che parteciperanno allo studio saranno randomizzate in tre condizioni: A) identificazione dei rischi e somministrazione dell’intervento breve effettuato completamente attraverso un sito web interattivo B) sola identificazione dei rischi effettuata online con un software dedicato CON feed-back automatico sugli eventuali rischi presenti C)  identificazione dei rischi effettuata online con software dedicato SENZA conoscere i risultati dello screening. La valutazione sarà effettuata nei mesi T0, T1 e T5.

Candidate: Pierluigi Struzzo

 
Peer-reviewed articles and abstracts

 

 

_____

2017

 

 

 

_____

2016

 

Romito, P., Cedolin, C., Bastiani, F., Saurel-Cubizolles, M.J. (2016). Disordered eating behaviors and sexual harassment in Italian male and female university students. Journal of Interpersonal Violence, first published online, doi.org/10.1177/0886260516664315

 

 

Abstracts

 

 

_____

2017

 

Bastiani, F., Grassi, M., & Romito, P. (2017). “Femminismo e giovani generazioni: a che punto siamo?”. Convegno nazionale Saperi di genere. Università di Trento, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Trento, 20-21 gennaio

 

 

_____

2016

 

Bastiani, F., Saurel-Cubizolles MJ., & Romito P (2016). Help seeking process among women who sought help at an Anti-violence Centre. In: Paolo Bernardis, Carlo Fantoni, & Walter Gerbino (eds.) TSPC2016, Proceedings of the Trieste Symposium on Perception and Cognition. Trieste, EUT.

 

 

_____

2015

 

Bastiani, F., Cedolin, C., Beltramini, L., Grassi, M., & Romito, P. (2015). “Feminism, Young Women and Couple Relationships”. 2015 Annual Conference of the European Network on Gender and Violence (ENGV). Lisbona, 6-8 maggio

 

  

_____

2014

 

Romito, P., Cedolin, C.,Bastiani, F., Beltramini, L., & Grassi, M. (2014). Poster: “Sexual harassment against young women: impact on eating disorders”. European Conference on: “Youth Mental Health: from continuity of psychopathology to continuity of care”. Funded by the European Commission. Venezia, 16-18 dicembre

 

Bastiani, F., Cedolin, C., Beltramini, L., Grassi, M., & Romito, P. (2014). “Le femministe odiano gli uomini? Effetti dell’ideologia femminista sulla relazione di coppia”. Convegno della Sezione di Psicologia Sociale AIP (Associazione Italiana Psicologia): “Attraversare il conflitto: quali processi psicosociali per una gestione costruttiva della conflittualità sociale?”. Roma, 12 settembre  

 

 

 

Communications to the broad public

 

 

 

Bastiani, F. (2016). “L’impatto delle molestie sessuali sulla salute”. Seminario promosso dal comitato Unico di Garanzia Dell’Università degli Studi di Trieste “Sconfiggere la violenza contro le donne: le molestie sessuali nei luoghi di lavoro. Università degli Studi di Trieste, 10 novembre

 

Bastiani, F. (2016). “Ragazze, ragazzi: stereotipi, miti e grande confusione”. Seminario promosso dal Comitato Unico di Garanzia, il Consiglio degli Studenti ed il Laboratorio di Psicologia Sociale e di Comunità dell’Università degli Studi di Trieste “Ragazze e ragazzi: stereotipi e relazioni nell’era di internet – Pari opportunità, relazioni, violenza e molestie: parliamone!”.  Università degli Studi di Trieste, 5 maggio

 

Bastiani, F. (2016). “Women attending Anti-violence centres in Italy”. Seminario di presentazione del lavoro di ricerca di dottorato presso l’Instituts thematiques Inserm, Centre de recherche Epidémiologie et statistique. Parigi, 14 aprile

 

Bastiani, F. (2015). “Violenza di genere. Nuovi modi di vedere”. Conferenza promossa dal Consiglio degli Studenti e dalla Lista di Sinistra dell’Università degli studi di Trieste “Ragazze, ragazzi: stereotipi, incontri, scontri – conferenza su diritti, servizi e stereotipi della violenza di genere in Università e non solo”. Università degli studi di Trieste, 9 dicembre

 

Bastiani, F. (2015). “Femminismo, giovani donne e relazioni di coppia”. Intervento all’interno di “Rinate donna - Festival la violenza illustrata”. Seminario “tutti/e dovremmo essere femministi/e”. Bologna, 28 novembre

 

Bastiani, F. (2015). “Uscire dalla violenza: un percorso a ostacoli”. Convegno promosso dal Comitato Unico di Garanzia dell’Università degli Studi di Trieste e l’Ordine degli avvocati di Trieste “Sconfiggere la violenza contro le donne: operatrici e operatori a confronto sulla convenzione di Istanbul”. Università degli Studi di Trieste, 27 novembre

 

Bastiani, F. (2015). “Le femministe odiano gli uomini? Giovani donne, femminismo e relazioni di coppia”. Stati Regionali delle Donne – Friuli Venezia Giulia. Trieste, 12 giugno

 

Bastiani, F., Beltramini, L., & Romito, P. (2014). “I’m not a feminist but...le nuove generazioni ed il femminismo”. “Ciclo di conferenze GLI STUDI delle DONNE”. Casa Internazionale delle Donne di Trieste, febbraio

 

Bastiani, F. (2014). “La violenza sulle donne”. Intervento al ciclo di eventi organizzati all’associazione Cosi è se ci pare: “La questione femminile: per voltare pagina”. Firenze, 26 ottobre