Laurea Magistrale in Genomica funzionale

Obiettivi e Sbocchi Professionali del Corso di Studi - GF

Anno Accademico - 2017-2018

 

Per le informazioni complete sul Corso di Studio si rimanda al sito Universitaly - SUA-GF.

BIOLOGO RICERCATORE
funzione in un contesto di lavoro:
Questa figura professionale è caratterizzata dalla capacità di svolgere attività di ricerca di base ed applicata in campo biomedico, microbiologico e biotecnologico in istituti di ricerca pubblici o privati. In particolare il ricercatore in campo biologico esegue, ottimizza e inventa protocolli sperimentali, disegna e realizza progetti di ricerca, redige richieste di finanziamento ad istituzioni pubbliche e private nonché pubblicazioni di carattere scientifico ed è in grado di gestire o contribuire alla gestione di laboratori di biologia molecolare e cellulare
competenze associate alla funzione:
- conoscenze approfondite , sia teoriche che pratiche, nel campo della genomica, trascrittomica e proteomica.
- conoscenze degli strumenti matematici ed informatici, con particolare attenzione alla bioinformatica applicata alla genomica e post-genomica.
- utilizzo delle metodologie e strumentazioni impiegate nell'analisi di genomi, trascrittomi e proteomi.
- competenze nell’ ambito della genetica, biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica.
- conoscenze delle metodologie sperimentali e strumentazioni specifiche per l'analisi e la manipolazione di singoli geni e proteine.
- competenze teorico-pratiche nel campo della diagnostica di laboratorio.
- adeguate conoscenze di farmacologia, immunologia e patologia
- conoscenza di una lingua straniera (inglese), capacità di competere in ambito internazionale e di relazionarsi in attività di gruppo.

sbocchi occupazionali:
- attività di ricerca di base ed applicata in campo biomedico, microbiologico e biotecnologico in istituti di ricerca pubblici o privati.

BIOLOGO ESPERTO DI ANALISI-BIOMEDICHE, FORENSI ED AMBIENTALI
funzione in un contesto di lavoro:
Questa figura comprende attività professionali in ambito genetico, molecolare e cellulare legati alle applicazioni biologiche e biochimiche, nei settori della sanità, della pubblica amministrazione e dell'industria, quali analisi di campioni biologici, identificazione di agenti patogeni (infettanti ed infestanti) dell’uomo, degli animali e delle piante, problematiche relative alla genetica dell’uomo, degli animali e delle piante, classificazione e biologia degli animali e delle piante.
competenze associate alla funzione:
- conoscenze approfondite , sia teoriche che pratiche, nel campo della genomica, trascrittomica e proteomica.
- conoscenze degli strumenti matematici ed informatici, con particolare attenzione alla bioinformatica applicata alla genomica e post-genomica.
- utilizzo delle metodologie e strumentazioni impiegate nell'analisi di genomi, trascrittomi e proteomi.
- competenze nell’ambito della genetica, biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica.
- conoscenze delle metodologie sperimentali e strumentazioni specifiche per l'analisi e la manipolazione di singoli geni e proteine.
- competenze teorico-pratiche nel campo della diagnostica di laboratorio.
- adeguate conoscenze di farmacologia, immunologia e patologia.
- conoscenza di una lingua straniera (inglese), capacità di competere in ambito internazionale e di relazionarsi in attività di gruppo.

sbocchi occupazionali:
- attività professionali in ambito genetico, molecolare e cellulare legati alle applicazioni biologiche e biochimiche nei settori della sanità, della pubblica amministrazione e dell'industria.

RESPONSABILE DI LABORATORIO BIOLOGICO
funzione in un contesto di lavoro:
Questa figura professionale è caratterizzata da capacità avanzate di analisi di campioni biologici, che le permettono di condurre o coordinare le attività professionali e di progetto nei settori dell'industria, della sanità e della pubblica amministrazione, con particolare riguardo ai laboratori di analisi biologiche e microbiologiche.
competenze associate alla funzione:
- conoscenze approfondite , sia teoriche che pratiche, nel campo della genomica, trascrittomica e proteomica.
- conoscenze degli strumenti matematici ed informatici, con particolare attenzione alla bioinformatica applicata alla genomica e post-genomica.
- utilizzo delle metodologie e strumentazioni impiegate nell'analisi di genomi, trascrittomi e proteomi.
- competenze nell’ ambito della genetica, biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica.
- conoscenze delle metodologie sperimentali e strumentazioni specifiche per l'analisi e la manipolazione di singoli geni e proteine.
- competenze teorico-pratiche nel campo della diagnostica di laboratorio.
- adeguate conoscenze di farmacologia, immunologia e patologia
- conoscenza di una lingua straniera (inglese), capacità di competere in ambito internazionale e di relazionarsi in attività di gruppo.

sbocchi occupazionali:
- attività professionali in ambito genetico, molecolare e cellulare legati alle applicazioni biologiche e biochimiche nei settori della sanità, della pubblica amministrazione e dell'industria.

ESPERTO IN TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
funzione in un contesto di lavoro:
Tale figura è in grado di svolgere attività di promozione e sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica in campo genetico, biologico molecolare, nella biologia e tecnologia cellulare, nella genomica e proteomica, nell'analisi e sviluppo di biomolecole per le applicazioni biomediche ed industriali, nonché di sviluppare e mettere a punto test e kit diagnostici da potersi utilizzare in ambito biomedico, analisi degli alimenti ed analisi ambientale.
competenze associate alla funzione:
- conoscenze approfondite , sia teoriche che pratiche, nel campo della genomica, trascrittomica e proteomica.
- conoscenze degli strumenti matematici ed informatici, con particolare attenzione alla bioinformatica applicata alla genomica e post-genomica.
- utilizzo delle metodologie e strumentazioni impiegate nell'analisi di genomi e proteomi.
- competenze nell’ ambito della genetica, biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica.
- conoscenze delle metodologie sperimentali e strumentazioni specifiche per l'analisi e la manipolazione di singoli geni e proteine.
- competenze teorico-pratiche nel campo della diagnostica di laboratorio.
- adeguate conoscenze di farmacologia, immunologia e patologia
- conoscenza di una lingua straniera (inglese), capacità di competere in ambito internazionale e di relazionarsi in attività di gruppo.

sbocchi occupazionali:
- attività di promozione e sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica in campo genetico, biologico molecolare, nella biologia e tecnologia cellulare, nella genomica e proteomica, nell'analisi e sviluppo di biomolecole per le applicazioni biomediche ed industriali;
- attività professionali in ambito genetico, molecolare e cellulare legati alle applicazioni biologiche e biochimiche nei settori della sanità, della pubblica amministrazione e dell'industria.

INFORMATORE MEDICO - SCIENTIFICO
funzione in un contesto di lavoro:
L’informatore medico–scientifico si occupa di sviluppare l’attività di informazione scientifica presso i medici, illustrando loro caratteristiche farmacologiche e terapeutiche dei farmaci per assicurarne un impiego corretto; riferisce all’azienda le osservazioni che emergono dal colloquio con gli operatori sanitari.
Questa figura costituisce il trait d’union tra industria e ricerca da un lato e clientela dall’altro. Egli garantisce il feedback di notizie relative alla farmaco-vigilanza, segnalando eventuali effetti collaterali in desidera ti che sono stati rilevati nell’uso del prodotto. Inoltre, segue sul campo la distribuzione del farmaco dal grossista al farmacista, in particolare quando un nuovo prodotto viene lanciato sul mercato. Mette a punto i programmi per sviluppare le vendite nella zone di competenza, tenendo sotto osservazione i comportamenti e i risultati delle aziende concorrenti.
Il percorso di carriera dell’informatore medico – scientifico è aperto a due possibilità:
−chi ha la propensione alle vendite può avanzare nelle posizioni di capo area, in seguito responsabile di più aree fino a diventare direttore delle vendite nelle case farmaceutiche;
−chi invece dimostra maggiore predisposizione agli aspetti scientifici, può ricoprire il ruolo professionale di product manager, group product manager e direttore di marketing nelle case farmaceutiche.
competenze associate alla funzione:
- conoscenze approfondite , sia teoriche che pratiche, nel campo della genomica, trascrittomica e proteomica.
- conoscenze degli strumenti matematici ed informatici, con particolare attenzione alla bioinformatica applicata alla genomica e post-genomica.
- utilizzo delle metodologie e strumentazioni impiegate nell'analisi di genomi e proteomi.
- competenze nell’ ambito della genetica, biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica.
- conoscenze delle metodologie sperimentali e strumentazioni specifiche per l'analisi e la manipolazione di singoli geni e proteine.
- competenze teorico-pratiche nel campo della diagnostica di laboratorio.
- adeguate conoscenze di farmacologia, immunologia e patologia
- conoscenza di una lingua straniera (inglese), capacità di competere in ambito internazionale e di relazionarsi in attività di gruppo.

sbocchi occupazionali:
- attività professionali in aziende farmaceutiche e biotecnologiche.

DIVULGATORE SCIENTIFICO
funzione in un contesto di lavoro:
Questa figura professionale sarà in grado di svolgere divulgazione ad alto livello della cultura scientifica con particolare riferimento agli aspetti teorici, sperimentali ed applicativi della biologia molecolare e cellulare.
E’ un comunicatore che si rivolge al grande pubblico per diffondere la cultura scientifica, la percezione dell'importanza della scienza nell'ambito delle attività umane. Gli strumenti utilizzati possono essere la stampa, il web ma anche l’attività sul campo ed in laboratorio, può infatti coinvolgere il pubblico con attività manuali, interattive, partecipative utilizzando formati di divulgazione scientifica come i laboratori hands-on (basati sulla manipolazione e generalmente rivolti ai ragazzi), caffè scientifici (in cui lo scienziato conversa in ambienti informali come bar e caffè), forum partecipati, giochi di simulazione.
competenze associate alla funzione:
- conoscenze approfondite , sia teoriche che pratiche, nel campo della genomica, trascrittomica e proteomica.
- conoscenze degli strumenti matematici ed informatici, con particolare attenzione alla bioinformatica applicata alla genomica e post-genomica.
- utilizzo delle metodologie e strumentazioni impiegate nell'analisi di genomi e proteomi.
- competenze nell’ ambito della genetica, biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica.
- conoscenze delle metodologie sperimentali e strumentazioni specifiche per l'analisi e la manipolazione di singoli geni e proteine.
- competenze teorico-pratiche nel campo della diagnostica di laboratorio.
- adeguate conoscenze di farmacologia, immunologia e patologia
- conoscenza di una lingua straniera (inglese), capacità di competere in ambito internazionale e di relazionarsi in attività di gruppo.
sbocchi occupazionali:
- divulgazione ad alto livello della cultura scientifica con particolare riferimento agli aspetti teorici, sperimentali ed applicativi della biologia molecolare e cellulare.

 

Per le informazioni complete sul Corso di Studio si rimanda al sito Universitaly - SUA-GF.

GENOMICA
Conoscenza e comprensione
Il laureato avrà acquisito conoscenze relative alla genomica strutturale e comparata, al mappaggio dei caratteri genetici e alla genetica dei caratteri complessi e multifattoriali, così da poter analizzare genomi di microrganismi e di tutte le specie vegetali e animali, compresa quella umana. Il laureato apprenderà metodologie della genetica quantitativa, dell'ingegneria genetica, del sequenziamento del DNA e della bioinformatica e sarà in grado di comprendere e applicare tecnologie specifiche nel contesto di progetti di ricerca di base e applicata.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Il laureato sarà in grado di applicare le conoscenze relative alla genetica molecolare, alla genomica e alla bioinformatica, in particolare utilizzando tecnologie complesse quali: il mappaggio genetico mediante studi di associazione e linkage, l'identificazione e clonaggio di singoli geni, la costruzione e utilizzo di librerie geniche d'espressione e il sequenziamento e analisi di genomi di organismi d'interesse scientifico di base e applicativo nei settori sanitario, agronomico, industriale e di monitoraggio ambientale.
 
TRASCRITTOMICA
Conoscenza e comprensione
Il laureato avrà acquisito conoscenze relative all'espressione genica intesa come regolazione trascrizionale e post-trascrizionale sia di singoli geni che dell'intero genoma; sarà, quindi, in grado di analizzare tale espressione di singoli geni come pure dell'intero trascrittoma sapendo padroneggiare metodologie di estrazione e analisi dell'RNA ed essendo in grado di comprendere e applicare specifiche tecnologie trascrittomiche anche con l'ausilio di strumenti bioinformatici.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Il laureato sarà in grado di applicare le conoscenze nel campo dell'espressione genica e della trascrittomica utilizzando tecnologie complesse quali: la PCR Retro Trascrizionale (RT-PCR), la RT-PCR quantitativa (qRT-PCR), i microarrays e il sequenziamento massivo di RNA (RNA-seq). Il laureato saprà applicare tecnologie per la produzione e gestione di sistemi automatici di rilevamento dell'espressione genica nell'ambito di progetti di ricerca di base, applicata e traslazionale.
PROTEOMICA
Conoscenza e comprensione
Il laureato avrà acquisito conoscenze relative alla biochimica e alla proteomica con particolare riguardo a processi cellulari complessi quali la biogenesi degli organelli, il traffico vescicolare nella cellula e il metabolismo dei nucleotidi e dei lipidi. Il laureato apprenderà metodiche analitiche utilizzate in ambito biochimico e proteomico per l'identificazione di proteine e lo studio delle interazione proteina-proteina e sarà in grado di comprendere tecnologie proteomiche e applicarle nel contesto di progetti di ricerca di base e applicata.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Il laureato sarà in grado di applicare le conoscenze relative alla biochimica e alla proteomica, in particolare utilizzando tecniche per la preparazione e quantificazione di campioni proteici, elettroforetiche, cromatografiche, di spettrometria di massa, nonché strumenti bionformatici applicati alla proteomica. Il laureato sarà capace di effettuare analisi del proteoma nella cellula normale e patologica, impiegare tecnologie per l'isolamento di proteine d'interesse biologico, sanitario ed industriale, e utilizzare le conoscenze a livello biochimico e molecolare per lo sviluppo di nuovi farmaci.
 
BIOLOGIA TRASLAZIONALE
Conoscenza e comprensione
Il laureato avrà acquisito conoscenze relative ad aree tematiche specifiche, quali quelle dell'oncologia, dell'immunologia e della neurobiologia, approfondendo argomenti monografici anche mediante la lettura di articoli scientifici del settore di competenza. In particolare, il laureato avrà una visione integrata dei meccanismi molecolari alla base della trasformazione tumorale e avrà appreso le caratteristiche delle cellule staminali tumorali e dei meccanismi molecolari che regolano le principali funzioni cellulari. Inoltre il laureato apprenderà strategie e approcci sperimentali specifici impiegati nell’ambito dell’immunologia molecolare per lo sviluppo e ingegnerizzazione di anticorpi monoclonali e ricombinanti e dell'oncologia per l’identificazione di bersagli terapeutici e l'individuazione di trattamenti antitumorali e sarà introdotto alle tecniche adottate in diagnostica molecolare medica a fini prevalentemente clinici.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Il laureato sarà in grado di applicare le conoscenze relative all'oncologia e immunologia molecolare, di utilizzare tecniche diagnostiche per malattie tumorali del sangue, infettive e genetiche e di impiegare tecniche di coltura cellulare e che prevedono l'utilizzo della microscopia a fluorescenza e confocale e della citofluorimetria. Il laureato sarà in grado di applicare strategie e tecniche di indagine già apprese a problematiche particolari, come pure di comprendere e acquisire la capacità di utilizzo di tecniche altamente specifiche.
 
FORMAZIONE INTERDISCIPLINARE PER LA RICERCA
Conoscenza e comprensione
Il laureato apprenderà l'utilizzo della lingua inglese in campo scientifico e tecnologico ai fini di conseguire una padronanza della corretta terminologia e della metodica di scrittura di un testo a carattere scientifico e progettuale. Il laureato sarà in grado di leggere e comprendere articoli scientifici nelle più qualificate riviste dei settori di competenza.
Ulteriori conoscenze di laboratorio e competenze di interesse del mondo del lavoro sono acquisibili dallo studente tramite la preparazione della tesi di laurea, rigorosamente sperimentale. E' prevista, in questo contesto, una importante attività di laboratorio, in strutture scientifiche universitarie o extra universitarie, nazionali ed internazionali, atta a consentire l'approccio e la soluzione di problematiche anche nuove ed inserite in contesti più ampi di quelli offerti dal corso di laurea, quali quelli professionalizzanti in ambito industriale e produttivo.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
La frequentazione di laboratori di ricerca consentirà al laureato di acquisire la capacità di estendere le conoscenze a ulteriori campi di interesse e di elaborare idee originali. Il laureato avrà la capacità di presentare degli argomenti scientifici in diverse forme, dalla presentazione orale alla comunicazione scritta fino alla stesura di progetti e articoli di carattere scientifico.

 

Per le informazioni complete sul Corso di Studio si rimanda al sito Universitaly - SUA-GF.